grande teatro italiano

Il grande teatro italiano

La recitazione nasce su un palcoscenico, il vero attore e l’attore di teatro, almeno questo è quello che mi ha sempre detto mia madre, una ex attrice di teatro, conosco abbastanza bene questo mondo grazie a lui, mi ha fatto conoscere tutto lo sviluppo di un opera rappresentata a teatro. Dalla scrittura, alla scenografia, alla musica, i tempi, la dizione, e tutto quello che può essere inerente al mondo del teatro, dai preparativi, al trucco, ai costumi.

A pensarci bene rispetto al mondo del cinema non ci siamo, parte che il teatro va visto dal vivo, mentre il cinema da vivo potrebbe davvero far cambiare idea a molti film holliwoodiani, non vorrei smentire gli attori americani o inglesi, sono dei grandissimi attori alcuni tra questi, io parlo del cinema.

Il modo di recitare nel cinema si differenzia di molto rispetto alla recitazione teatrale, per prima cosa, nel cinema ci sono moltissime pause tra una scena ed un altra, si tratta di lavoro diverso, dove l’attore deve seguire molte regole per migliorare luce ed effetti,dato che mentre si recita il dietro le quinte di un film, ci sono moltissime persone attorno agli attori, a teatro forse il direttore, il direttore della fotografia, lo scenografo e pochi altri. Al cinema, potrebbero anche esserci venti e più persone davanti agli attori mentre girano scene generalmente molto corte, di massimo quindici minuti, si tratta di un modo completamente diverso di recitare.

In secondo luogo, a teatro hai un rapporto diverso anche con il pubblico, il rapporto è molto diretto, e ti permette anche di vivere i sentimenti del pubblico stesso, di partecipare alle loro emozioni, e cogliere anche l’impatto della recitazione sul pubblico. Essendo così diretta, anche il pubblico riesce a definire un attore migliore di un altro, perché si tratta di un’interpretazione viva, come la chiamo io, durante la quale anche le emozioni che scaturiscono possono essere diverse, e sempre molto forti.

I veri attori

Forse sono stata anche influenzata da mia madre, che ha sempre recitato in teatro, e conoscendo molto meglio quel modo di recitare, lo preferisco al cinema, nella quale ci sono molte persone che organizzano e sviluppano il film, lasciando agli attori uno spazio e un’importanza diversa, proprio per il tipo di ambiente che riguarda i tipi diversi di recitazione.

Nel teatro gli attori vivono un’esperienza vera, e più reale, anche con gli spettatori, che non sono al cinema o a casa sul loro divano, anche il tipo di attenzione e di aspettativa dovrebbe essere diverso, e sicuramente in quanto ai salari, sono sicuramente più pagati gli attori di cinema, anche se non sono mai riuscita a darmi una risposta al riguardo.